Il peso ideale va valutato in base a diversi parametri, da prendere in considerazione per la valutazione dello stato fisico di una persona. Oltre ai muscoli e al grasso, non bisogna dimenticare che anche le ossa pesano. Il tipo e la densità ossea influiscono quindi nella corretta determinazione del peso ideale. In particolare le nostre ossa possono essere piccole e leggere, di peso medio, oppure grandi e pesanti.

Un modo molto semplice per avere un’indicazione di massima sul nostro tipo do ossatura è quello di misurare la circonferenza in centimetri del polso destro e poi dividere la statura (sempre in centimetri) per la circonferenza del polso misurata. Il valore così calcolato permette di stabilire il nostro tipo di corporatura:

    a) se il valore è maggiore di 10,9 per le donne e di 10,4 per gli uomini, la corporatura è di tipo longilineo (ossatura piccola e leggera);
    b) se il valore è compreso tra 10,9 e 9,9 per le donne e tra 10,4 e 9,6 per gli uomini, la corporatura è di tipo normolineo ossatura di tipo medio);
    c) se il valore è minore di 9,9 per le donne e 9,6 per gli uomini, la corporatura è di tipo brevilineo (ossatura grande e pesante).

Introducendo quindi, oltre alla statura, anche il tipo di corporatura determinato dalla morfologia ossea, è possibile avere un’indicazione senz’altro più precisa riguardo al peso ideale.

DISTRIBUZIONE DEL GRASSO: TIPO “A PERA” E TIPO “A MELA”

Le donne tendono ad accumulare il grasso dalla vita in giù, assumendo, nel complesso, una forma che ricorda quella di una pera. Diversamente, il grasso dell’uomo è prevalentemente localizzato nella parte alta del corpo, che assume quindi una forma simile a quella di una mela.

Tipologia ginoide (detta "a pera")

Nella maggior parte dei casi le donnetendono ad accumulare il grasso in eccesso sui fianchi, cosce e glutei. Questo tipo di localizzazione del grasso, detta anche gluteo-femorale, identifica la tipologia tipica della donna mediterranea (fianchi “forti” e sedere pronunciato). Un grasso così distribuito non è considerato un alto rischio per la salute. In caso di forte sovrappeso e obesità, tuttavia, il grasso ginoide può associarsi a vasculopatie periferiche (disturbi della circolazione venosa), o osteoartrosi, disturbi mestruali e gravidanze difficili.

Tipologia androide (detta "a mela")

Nell’uomo il tessuto adiposo predomina generalmente nella parte alta del corpo, soprattutto a livello di addome, torace, spalle, nuca, collo. Rientrano, tuttavia, in questa categoria anche molte donne, più precisamente tutte quelle il cui grasso si concentra dalla vita in su. Inoltre, dopo la menopausa (con le modifiche dell’assetto ormonale), la distinzione tra le due tipologie diventa meno netta e anche nelle donne ginoidi il grasso può accumularsi a livello dell’addome.

Frequentemente associato ad elevati livelli di adiposità viscerale, questo secondo tipo di grasso (molto più del precedente), costituisce un grave fattore di rischio per la salute, in quanto è spesso associato a significative alterazioni nel metabolismo dei carboidrati e delle lipoproteine e di conseguenza, ad un maggior rischio di malattie cardiocircolatorie.