Integratori naturali e la nostra salute

Quando le capsule contengono importanti principi per il nostro benessere, in sintonia con la natura

Mangiare bene è il primo e fondamentale passo per mantenere uno stato di salute ottimale. Si raccomanda, quindi di seguire un'alimentazione varia che comprenda diversi tipi di frutta e verdura, ricchissime di vitamine e sali minerali.

Molto spesso, però, la frenesia delle corse che la vita impone alle nostre giornate, ci fa rendere difficile assumere la varietà di nutrienti utili a soddisfare il nostro fabbisogno. Per esempio i nutrizionisti raccomandano di mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, ma non sempre si arriva a questo.

Molto spesso, anche i cibi che mangiamo, non contengono più i nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali del nostro organismo. Ecco perché a volte bisogna fare una supplementazione con degli integratori alimentari specifici per i vari fabbisogni. Ad esempio, in questo periodo estivo, caratterizzato da alte temperature e grado di umidità, si perdono molti liquidi con la sudorazione.

Bere acqua, anche i 2 litri abitualmente consigliati, può non bastare. Occorre fare una integrazione di minerali del tipo magnesio e potassio. Quindi gli integratori naturali, rivestono un ruolo importante per la salute e il benessere dell’organismo umano, sostanze, messe a disposizione della natura che curano e riequilibrano il nostro corpo.

Grazie a questi principi attivi, ricavati da erbe, foglie, fiori, frutti, radici ma anche da semi e minerali, è possibile evitare o ridurre il ricorso ai medicinali di sintesi. Sempre per essere concreti, la tintura madre di uva ursina, opportunamente dosata, risolve in modo eccellente cistiti recidivanti senza l'uso dei tanti abusati antibiotici.

Ma come agiscono gli integratori naturali sulla nostra salute e benessere? Grazie alle proprietà medicamentose, ricostituenti e antiossidanti degli integratori naturali, è possibile: riequilibrare il metabolismo, rallentare l’invecchiamento cellulare, stimolare il sistema immunitario, eliminare scorie e tossine accumulate negli organi e nei tessuti, ridurre i segni del tempo sulla pelle. Utili soprattutto per sostenere l’organismo nei cambi di stagione, gli estratti naturali e gli integratori naturali ci aiutano quindi a preservare la corretta e normale funzionalità dei processi fisiologici, migliorando la salute e il benessere del nostro corpo e l’energia psicofisica.

 

Inoltre non dobbiamo mai sottovalutare l’azione preventiva che hanno i rimedi naturali per la salute e benessere del nostro corpo. Infatti grazie ai principi attivi che contengono, gli integratori naturali riducono i rischi di contagio nei confronti delle più comuni patologie virali e batteriche, come per esempio l’influenza, le cistiti, il raffreddore, l’herpes. In particolare per il raffreddore, compresse effervescenti di zinco e propoli, possono stroncare il fastidio in 24 ore.

Si trovano in capsule o in compresse; per il corretto uso, i modi e tempi d'assunzione è bene affidarsi a un medico spe- cializzato in fitoterapia o ad un naturopata. La conoscenza, scientificamente provata, dei principi attivi delle piante, permette di utilizzarli in vari modi a seconda della necessità specifica. Nel vasto mondo degli integratori naturali, ne troviamo molti che sono preziosi per chi fa sport (come la Maca o la Rodiola), altri indicati in caso di calo di vitalità o affaticamento (il Ginseng o l'Euterococco), per prevenire l'influenza nella stagione invernale (Echinacea - Propoli) o se si vuole perdere peso (Gimnema Silvestre, Caffè verde).

Capsule e compresse La formulazione più pratica per assumere gli integratori è quella in capsule o in compresse. Entrambe queste due preparazioni vengono ottenute dall’estratto secco, tritato finemente e poi ricompattato. Le capsule e le compresse vanno sempre assunte con un bicchiere abbondante d’acqua minerale naturale.

Infusi, decotti e tisane Il metodo più semplice e anche quello più antico, è quello di assumere le erbe e le piante medicinali sotto forma di bevande. Infuso Si ottiene versando dell’acqua bollente sulla pianta medicinale essiccata. Si lascia il preparato in infusione per qualche minuto, si filtra poi bene e si beve. Per questa preparazione si utilizzano le parti più attendere della pianta come per esempio i fiori e le foglie. Decotto Per preparare il decotto si fa bollire nell’acqua la pianta medicinale scelta per alcuni minuti. Poi si lascia riposare, si filtra bene e si beve.

Per preparare il decotto si usano le parti più dure, come le radici, la corteccia e i legni. Tisana Per la preparazione di questa bevanda si mettono nell’acqua bollente sia le parti temere che quelle legnose della pianta medicinale. Si attendono cinque minuti, si filtra bene e si beve. Gli estratti liquidi Queste preparazioni si ottengono macerando la pianta, o parti di essa, insolventi come l’alcol, il glicole, l’etere o acqua, che vengono successivamente fatti elaborare.

Gli estratti liquidi vengono utilizzati in gocce, che occorre diluire in acqua naturale o in una spremuta o in un succo di frutta, preferibilmente senza zucchero. Le tinture madri, in particolare, sono ottenute dall’estrazione dei principi attivi della pianta fresca utilizzando una soluzione alcolica. I macerati glicerici invece si preparano tramite la macerazione a freddo in acqua-alcol-glicerolo di gemme, di germogli e di giovani radici.

Integratori naturali e la nostra salute
Watch the video

Quando le capsule contengono importanti principi per il nostro benessere, in sintonia con la natura

Mangiare bene è il primo e fondamentale passo per mantenere uno stato di salute ottimale. Si raccomanda, quindi di seguire un'alimentazione varia che comprenda diversi tipi di frutta e verdura, ricchissime di vitamine e sali minerali.

Molto spesso, però, la frenesia delle corse che la vita impone alle nostre giornate, ci fa rendere difficile assumere la varietà di nutrienti utili a soddisfare il nostro fabbisogno. Per esempio i nutrizionisti raccomandano di mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, ma non sempre si arriva a questo.

Molto spesso, anche i cibi che mangiamo, non contengono più i nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali del nostro organismo. Ecco perché a volte bisogna fare una supplementazione con degli integratori alimentari specifici per i vari fabbisogni. Ad esempio, in questo periodo estivo, caratterizzato da alte temperature e grado di umidità, si perdono molti liquidi con la sudorazione.

Bere acqua, anche i 2 litri abitualmente consigliati, può non bastare. Occorre fare una integrazione di minerali del tipo magnesio e potassio. Quindi gli integratori naturali, rivestono un ruolo importante per la salute e il benessere dell’organismo umano, sostanze, messe a disposizione della natura che curano e riequilibrano il nostro corpo.

Grazie a questi principi attivi, ricavati da erbe, foglie, fiori, frutti, radici ma anche da semi e minerali, è possibile evitare o ridurre il ricorso ai medicinali di sintesi. Sempre per essere concreti, la tintura madre di uva ursina, opportunamente dosata, risolve in modo eccellente cistiti recidivanti senza l'uso dei tanti abusati antibiotici.

Ma come agiscono gli integratori naturali sulla nostra salute e benessere? Grazie alle proprietà medicamentose, ricostituenti e antiossidanti degli integratori naturali, è possibile: riequilibrare il metabolismo, rallentare l’invecchiamento cellulare, stimolare il sistema immunitario, eliminare scorie e tossine accumulate negli organi e nei tessuti, ridurre i segni del tempo sulla pelle. Utili soprattutto per sostenere l’organismo nei cambi di stagione, gli estratti naturali e gli integratori naturali ci aiutano quindi a preservare la corretta e normale funzionalità dei processi fisiologici, migliorando la salute e il benessere del nostro corpo e l’energia psicofisica.

 

Inoltre non dobbiamo mai sottovalutare l’azione preventiva che hanno i rimedi naturali per la salute e benessere del nostro corpo. Infatti grazie ai principi attivi che contengono, gli integratori naturali riducono i rischi di contagio nei confronti delle più comuni patologie virali e batteriche, come per esempio l’influenza, le cistiti, il raffreddore, l’herpes. In particolare per il raffreddore, compresse effervescenti di zinco e propoli, possono stroncare il fastidio in 24 ore.

Si trovano in capsule o in compresse; per il corretto uso, i modi e tempi d'assunzione è bene affidarsi a un medico spe- cializzato in fitoterapia o ad un naturopata. La conoscenza, scientificamente provata, dei principi attivi delle piante, permette di utilizzarli in vari modi a seconda della necessità specifica. Nel vasto mondo degli integratori naturali, ne troviamo molti che sono preziosi per chi fa sport (come la Maca o la Rodiola), altri indicati in caso di calo di vitalità o affaticamento (il Ginseng o l'Euterococco), per prevenire l'influenza nella stagione invernale (Echinacea - Propoli) o se si vuole perdere peso (Gimnema Silvestre, Caffè verde).

Capsule e compresse La formulazione più pratica per assumere gli integratori è quella in capsule o in compresse. Entrambe queste due preparazioni vengono ottenute dall’estratto secco, tritato finemente e poi ricompattato. Le capsule e le compresse vanno sempre assunte con un bicchiere abbondante d’acqua minerale naturale.

Infusi, decotti e tisane Il metodo più semplice e anche quello più antico, è quello di assumere le erbe e le piante medicinali sotto forma di bevande. Infuso Si ottiene versando dell’acqua bollente sulla pianta medicinale essiccata. Si lascia il preparato in infusione per qualche minuto, si filtra poi bene e si beve. Per questa preparazione si utilizzano le parti più attendere della pianta come per esempio i fiori e le foglie. Decotto Per preparare il decotto si fa bollire nell’acqua la pianta medicinale scelta per alcuni minuti. Poi si lascia riposare, si filtra bene e si beve.

Per preparare il decotto si usano le parti più dure, come le radici, la corteccia e i legni. Tisana Per la preparazione di questa bevanda si mettono nell’acqua bollente sia le parti temere che quelle legnose della pianta medicinale. Si attendono cinque minuti, si filtra bene e si beve. Gli estratti liquidi Queste preparazioni si ottengono macerando la pianta, o parti di essa, insolventi come l’alcol, il glicole, l’etere o acqua, che vengono successivamente fatti elaborare.

Gli estratti liquidi vengono utilizzati in gocce, che occorre diluire in acqua naturale o in una spremuta o in un succo di frutta, preferibilmente senza zucchero. Le tinture madri, in particolare, sono ottenute dall’estrazione dei principi attivi della pianta fresca utilizzando una soluzione alcolica. I macerati glicerici invece si preparano tramite la macerazione a freddo in acqua-alcol-glicerolo di gemme, di germogli e di giovani radici.